domenica 23 agosto 2015

L'appennino più bello

Domenica 23 agosto. Da un po' di tempo andiamo in appennino solo per pedalare e faticare in mountain bike. E' ora di riportarci anche il Crosstourer, perchè bisogna allenarsi un po' anche in moto, perchè è rilassante, perchè ci sono curve e tornanti tra i più belli del mondo, perchè... un bel giro in moto fa bene al morale :-)
Il caldo, tra l'altro, ha allentato un po' la morsa, quindi il clima è ideale.
Raggiungiamo Forlì e proseguiamo per la mitica statale 67 del Muraglione, ma a Casone svoltiamo a destra per una gustosa deviazione: è il Passo di Monte Trebbio, ben conosciuto da migliaia di ciclisti (e in cima c'è un piccolo monumento a loro dedicato). Scendiamo a Modigliana, dominata dalla rocca, e ci dirigiamo a Tredozio in una vallata verdissima dominata dalle coltivazione dei kiwi.
Il vulcanetto della Busca
A Tredozio scegliamo la stradella stretta, curvosa e un po' malmessa che porta allo sconosciuto (non c'è neppure il cartello) Passo di Santa Maria in Castello, ma ben presto incrociamo la strada (con indicazione) che porta al Villaggio di Monte Busca.
Scendiamo di un paio di chilometri e lasciamo la moto sullo spiazzo di fronte ad una casa abbandonata. A piedi raggiungiamo il campo dietro al fabbricato e ci godiamo ancora una volta il curioso spettacolo del fuoco perpetuo del cosiddetto vulcanetto della Busca.
Ripresa la moto, siamo ben presto di nuovo sulla statale del Muraglione.
Ci facciamo cullare tra i tornanti (senza strafare), ma questa volta non ci fermiamo in cima da Giovanni... scendiamo fino a Dicomano e poi per Londa, per affrontare quella meraviglia di strada che è il Passo di Croce ai Mori.
L'Alpen Bar di Campigna
A Stia, poi, parte un'altra strada meravigliosa: sono i circa 17 chilometri che salgono al Passo della Calla... bellissimi, nonostante i limiti assurdi, vergognosi (e francamente impossibili da rispettare) posti dalla Provincia di Arezzo.
Dopo aver svalicato alla Calla, sono ormai le due del pomeriggio, ci fermiamo a Campigna, anzi: all'Alpen Bar di Campigna, dove Christian ci prepara le sue tagliatelle ai funghi :-)
La sosta all'Alpen Bar mi piace davvero tanto, anche perchè ci si rilassa immersi nella natura degli abeti secolari, insieme ad altri appassionati di ogni disciplina: motociclisti, ciclisti, amanti del trekking, dei funghi e del tartufo...
Ne approfittiamo per lasciar parcheggiato il Crosstourer per un paio d'ore e farci anche una bella passeggiata lungo il tracciato della vecchia pista di fondo che parte dallo Scoiattolo... e poi... e poi  ... il pomeriggio è già quasi finito, così come la domenica. Si rientra verso la pianura: alla prossima ;-)
La Rocca di Modigliana
L'itinerario

1 commento:

Alessandro Grazia ha detto...

Bel giretto gatto, faccio.anch'io quelle strade a volte, devo vedere assolutamente il vulcanetto!