domenica 30 luglio 2017

Monte Nerone, Passo della Spugna e…

380 chilometri (percorrendo anche strade molto dissestate) per verificare che dopo il tagliando la Multi fosse di nuovo in piena forma, e che tutte le viti fossero state serrate bene :-)
Prima breve sosta nella piazzetta centrale di Sarsina, per un caffè e due passi (sono molte le vestigia romane). Poi di nuovo in sella: Sant’Agata Feltria, Ponte Messa, Pennabilli… ci dirigiamo verso le splendide foreste del Monte Carpegna affrontando il Passo Cantoniera.
Sant’Agata Feltria
Nelle Marche, purtroppo, le strade provinciali (già ‘mosse’) dell’Appennino sono decisamente peggiori. Scendiamo a Belforte all’Isauro e raggiungiamo Sant’Angelo in Vado dribblando le ampie buche dalle quali l’asfalto è ormai scomparso da tempo.
Da Sant’Angelo in Vado, ci dirigiamo a Piano e poi a Piobbico (sempre per provinciale, quindi sempre guidando con molta circospezione) e, dopo Piobbico, raggiungiamo la Località Acquanera da dove parte una delle stradine più strette e ripide che salgono al Monte Nerone… cioè: sapevamo che era ripida e stretta, ma non pensavamo che ormai fosse senza manutenzione da lustri… nonostante non ci sia alcun segnale di chiusura al traffico, ci sono voragini, sassi sul tracciato, tratti ormai senza asfalto… e la vegetazione in alcuni tratti ne ha ristretto un bel po’ la già ridotta larghezza. Al confronto, il tratto di Tiberina abbandonata (ed ufficialmente chiusa al traffico) tra Verghereto e Valsavignone, è un’autostrada :-D
La salita verso Monte Nerone
Cmq la Multistrada è sempre trattabile, maneggevole, facile. E raggiungiamo la cima dopo aver fatto sloggiare un gruppo di boy scout che si era steso con teli e plaid per riposare proprio sul tracciato della strada...
Monte Nerone
Monte Nerone

Monte Nerone
Al Rifugio Cupa una bella fiamminga di ottime tagliatelle ai funghi porcini ci rilassa e soddisfa.

Per il rientro, ovviamente, scegliamo altre stradine secondarie… dopo essere scesi ad Apecchio, passiamo di nuovo da Sant’Angelo in Vado e poi raggiungiamo Borgo Pace per prendere la splendida strada del Passo della Spugna (che poi in larga parte è sterrata ma ben tenuta).
Apecchio
Molto bello (e polveroso) il tracciato del Passo della Spugna!!!
Passiamo da Miratoio e risaliamo fino alla Carpegna per una breve sosta al Passo della Cantoniera.
Per variare l’itinerario passiamo da Balze, Verghereto e Montecoronaro… poi la E45 ci permetterà un veloce rientro a Ravenna.
Officina promossa a pieni voti: nessun bullone perso. E la Multi è davvero una moto a suo agio in ogni condizione 😉
A/R da Ravenna, circa 380 km:
L'itinerario
Qualche altra foto in questo album su FLICKR: QUI
Un lampeggio!