venerdì 15 aprile 2016

Boicottare l'Austria ed i Paesi dell'est Europa

Dopo tanti anni di mototurismo tra le montagne dell'Austria, credo che quest'anno deciderò di non portare la mia moto (e soprattutto i miei soldi) in questo Paese. Le misure egoistiche ed antieuropee, come il reticolato sul Brennero, meritano una riflessione da parte di tutti i Cittadini europei, e anche da parte del sottoscritto, che non possiamo essere indifferenti e lasciar correre queste iniziative inaccettabili.
In Italia e in Grecia ci sono migliaia di chilometri di spiagge. Non possiamo costruire reticolati. Cosa farebbero i solerti e fascistelli cittadini austriaci, se fossero al nostro posto, affonderebbero i barconi nel Mediterraneo? Invaderebbero la Libia?
Facile costruire muri su qualche valico alpino e lasciare il problema a chi ha le spiagge.
L'egoismo austriaco e dei paesi dell'est Europa è inaccettabile e indecente
Questi Paesi vanno colpiti economicamente e politicamente.
Basta con gli aiuti della UE, che in pochi lustri hanno risollevato le economia asfittiche dei Paesi dell'ex Patto di Varsavia, e che oggi pensano di poter scegliere solo i vantaggi e lasciare agli altri i problemi.
E così l'Austria, Paese che amo, ma che proprio per questo oggi mi delude ancora di più: la volontà è quella di tornare agli egoismi dei singoli staterelli? Con le frontiere? Con gli eserciti schierati? Tanti piccoli staterelli egoisti arroccati nel loro effimero benessere (che non durerà molto, se non comprenderanno che le politiche economiche, di ricerca, di sviluppo e di difesa, in questo pianeta sempre più globalizzato e competitivo, potranno garantirci un futuro solo se saranno a livello europeo)!
Se il comportamento dell'Austria e le volontà dei cittadini austriaci saranno quelle di chiudersi nel proprio egoismo, quindi, porterò la mia moto (ed i miei soldi di turista) in Italia e in Francia.
Mi dispiace per Frau Gertrude, mi mancheranno i giri e le soste annuali al Grossglockner, al Timmelsjoch, a Wenns, alla Silvretta... ma non è possibile far finta di nulla. Il BOICOTTAGGIO economico dell'Austria e dei Paesi dell'Est Europa è un obbligo morale.

2 commenti:

Roberto Peri ha detto...

Sono perfettamente d'accordo. Ho passato per anni belle settimane di vacanza in Austria ma da quest'anno rinuncio!

celeste serena ha detto...

Penso ce fintanto che lEuropa non si dara' politiche comuni, questi saranno i risultati.